Pages Menu
TwitterRssFacebook

DEFINIZIONI

RIFORME

MONITORAGGIO

ATTUALITÀ

Che cos’è il debito pubblico

Il deficit si crea quando in un anno si spende più di quanto si incassa. Il debito è la somma di tutti i deficit annuali

Pressione fiscale

Prelievo fiscale medio sul reddito dei cittadini

Riforma sul patrimonio

Valorizzare immobili e partecipazioni finanziarie e venderne una parte per fare cassa e diminuire il debito pubblico

Riforma sulle partecipate

Ridurre il numero da 8.000 a 1.000. Risparmiare almeno 3 miliardi di sprechi

Derivati: cosa sono e come li usa lo stato

Da strumenti di protezione a strumenti di distruzione. Una bomba ad orologeria con 42 miliardi di perdite

Accise: il bancomat dello stato. E il cittadino paga

Le tasse sulla benzina: per ogni litro di carburante più di 1 euro se li prende lo Stato

Perché dobbiamo stare attenti alla Grecia

Il debito greco con l’Italia è cresciuto del 500% in 5 anni. L’Italia ha prestato 61,2 miliardi di euro

Editoriale IBL – ILVA: l’esperienza non insegna

Un altro salvataggio di Stato con i soldi dei cittadini. E continua l’agonia

Scritto da il mag 21, 2017 in Debito e spesa pubblica, Museo degli orrori, Primo Piano | 0 commenti

Debito oltre ogni record, ma il Pd continua coi bonus

Debito oltre ogni record, ma il Pd continua coi bonus

Il debito italiano tocca il record assoluto: 2260 miliardi. Da quando il Pd è al governo, prima con Renzi e poi con Gentiloni, è aumentato di 134 milioni al giorno. Nonostante le promesse di Padoan, che da anni annuncia un piano efficace per ridurre il debito, il governo continua a piegarsi alle esigenze elettorali, proseguendo indefesso con la politica dei bonus che ci sono già costati oltre 40 miliardi: finanziati, naturalmente, a debito.

“Con le privatizzazioni ridurremo il debito pubblico“, annunciava a dicembre 2015 il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan parlando all’ “Italy Corporate Governance Conference” alla Borsa di Milano .

Un anno e mezzo dopo, il debito pubblico del nostro Paese fa segnare un record assoluto: 2260 miliardi di euro per gli ultimi dati disponibili, quelli raccolti a marzo 2017.

Ma le previsioni per il futuro potrebbero essere ancora più nere: secondo le stime dell’osservatorio sul debito di Maurizio Mazziero, ad aprile 2017 il debito potrebbe aumentare a 2267 miliardi e a giugno potrebbe essere compreso fra 2279 e 2287 miliardi, con un intervallo di confidenza al 95%.

Nella comunicazione data da Bankitalia in settimana, l’aumento del debito “è dovuto al fabbisogno mensile della Pa, pari a 23,4 miliardi di euro, compensato solo in parte dalla diminuzione delle disponibilità liquide del Tesoro (per 2,2 miliardi, a 54,6; a fine marzo 2016 erano pari a 70 miliardi) e dall’effetto complessivo degli scarti e dei premi all’emissione e al rimborso, della rivalutazione dei titoli indicizzati all’inflazione e della variazione del tasso di cambio (1,1 miliardi).”

“Con riferimento ai sottosettori – ha spiegato inoltre la nota di Palazzo Koch – il debito delle Amministrazioni centrali è aumentato di 20,3 miliardi, quello delle Amministrazioni locali è diminuito di 0,2 miliardi; il debito degli Enti di previdenza è rimasto pressoché invariato.”

Nonostante le promesse del ministro dell’Economia, al momento della pubblicazione degli ultimi dati sul debito i governi Renzi prima e Gentiloni poi sono rimasti in carica per 1140 giorni e hanno totalizzato un aumento del debito pari a 153 miliardi: ben 134 milioni al giorno.

Come non bastasse, appena una settimana fa la Commissione Europea ha previsto che il rapporto debito/Pil continuerà a crescere anche quest’anno: si viaggia ormai intorno al 133,1%.

Ora, è evidente che il problema del debito pubblico italiano ha radici assai profonde, che risalgono a quando Renzi era ancora in fasce. Questo non ha impedito però che la compagine governativa, al di là del cambio di inquilino a Palazzo Chigi, affrontasse questo problema solo a parole.

Che dire infatti della fallimentare politica dei bonus, che continuano a riproporci nonostante sia stata bocciata più volte dai numeri dell’economia reale, come dimostra in modo lampante il naufragio del Jobs Act e come questo sito ha già sottolineato più volte?

Fra 80 euro, Jobs Act, mance e prebende, le marchette elettorali del governo ci sono già costate decine di miliardi di euro ma non hanno impedito che l’Italia sia scivolata in fondo alla classifica europea della crescita.

Condividi

  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Email
  • RSS
  • Print

Scrivi un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito utilizza cookie. Continuando la navigazione se ne autorizza l'uso.
Ulteriori informazioni
Ok
Email
Print