Pages Menu
TwitterRssFacebook

DEFINIZIONI

RIFORME

MONITORAGGIO

ATTUALITÀ

Che cos’è il debito pubblico

Il deficit si crea quando in un anno si spende più di quanto si incassa. Il debito è la somma di tutti i deficit annuali

Pressione fiscale

Prelievo fiscale medio sul reddito dei cittadini

Riforma sul patrimonio

Valorizzare immobili e partecipazioni finanziarie e venderne una parte per fare cassa e diminuire il debito pubblico

Riforma sulle partecipate

Ridurre il numero da 8.000 a 1.000. Risparmiare almeno 3 miliardi di sprechi

Derivati: cosa sono e come li usa lo stato

Da strumenti di protezione a strumenti di distruzione. Una bomba ad orologeria con 42 miliardi di perdite

Accise: il bancomat dello stato. E il cittadino paga

Le tasse sulla benzina: per ogni litro di carburante più di 1 euro se li prende lo Stato

Perché dobbiamo stare attenti alla Grecia

Il debito greco con l’Italia è cresciuto del 500% in 5 anni. L’Italia ha prestato 61,2 miliardi di euro

Editoriale IBL – ILVA: l’esperienza non insegna

Un altro salvataggio di Stato con i soldi dei cittadini. E continua l’agonia

Scritto da il lug 8, 2013 in Attualità, Debito e spesa pubblica | 0 commenti

I numeri e le illusioni…

I numeri e le illusioni…

La battaglia economico politica nel nostro povero Paese vede contrapposti non esponenti dell’interventismo economico opposti ai liberisti : ma tra sostenitori dell’Imu e contrari all’aumenti dell ‘ IVA ad i soliti granitici tutori della spesa pubblica specie quella improduttiva.

Sembra impossibile constatare amaramente come gli economisti che vanno per la maggiore sia sotto il profilo politico che mediatico pongano le proprie tesi su analisi valide fino alla fine degli anni 80.

Tutte le analisi considerano la massa monetaria idati dell’occupazione e del Pil senza tenere inserire le ultime due componenti che stanno determinando non la crisi ma la sua lenta evoluzione: IL SENTIMENT, del quale parleremo subito e la distribuzione che merita una trattazione approfondita in un’altra relazione per la sua complessità.

La battaglia sull’Imu , una della tasse più odiose , rappresenta la miopia di questa classe di economisti sia di destra che di sinistra. Infatti, al crollo dei consumi che continua da anni e che ha visto nel 2012 un -2,8 % portando i livelli dei consumi a quelli del 1997 si spera di ovviare lasciando per altro temporaneamente le risorse destinate all’Imu e attraverso queste di fornire un nuovo impulso ai consumi nel breve termine di questa stagione .

Addirittura in qualche quotidiano nazionale economisti parlano della importanza dei dati che emergeranno dei primi saldi di stagione per confermare o meno la correttezza della tesi che sottendono a tali scelte.

Francamente rimango sconcertato se ci si illude che veramente la posticipazione di una tassa posso indurre ad un aumento strutturale dei consumi che possano fornire un impulso nuovo alla nostra economia domestica. Per pura carità ovviamente tralascio le mie considerazione sul come si sia arrivati a tale rinvio e cioè attraverso l’anticipo Irpef del 101% di novembre che dovrebbe indurre tutto il governo a tornare al liceo per comprendere il significato di anticipo che il Devoto Oli indica come “il verificarsi di una antecedenza nel corso di una successiva temporale o di procedimento….somma di denaro che viene anticipata“ che per definizione deve essere inferiore alla somma intera stabilia.
Si tende infatti a sottovalutare un altro dato che considero fondamentale per tracciare una analisi ma soprattutto per elaborare una politica economica che ci porti fuori dalle secche nelle quali siamo da tre anni , faccio per comodità partire la attuale crisi dal 2010 anno in cui tutti sottolineavano la fine della crisi finanziaria cominciata nel 2008 dopo che pochi mesi prima l’Ocse aveva certificato che la struttura finanziaria mondiale risultava assolutamente priva di rischi.

Nel mese di aprile 1013 alla crescente e continua discesa dei consumi, in linea conquianto emerso per il 1012, i depositi di privati sono cresciuti del 7,1% : al di là del valore dei depositi stessi questa scelta di togliere dal circuito del consumo per favorire il deposito anche a basso rendimento dovrebbe far emergere l’aspetto che considero più importante nella valutazione della crisi e nella strategia per uscirne.

Ed arriviamo al primo fattore che si dovrebbe inserire stabilmente nella analisi economiche.

Se un consumatore decide di NON acquistare un bene sia esso di basso valore con il proprio reddito disponibile o di un altro di alto valore al quale potrebbe tranquillamente accedere attraverso il finanziamento al consumo significa che il sentiment è fortemente negativo, che per intenderci sono le aspettative per il futuro sia prossimo che a medio termine della situazione economica personale e nazionale.
Allora anche se si trovassero le risorse per cancellare l’Imu questa si trasformerebbe in un ulteriore massa monetaria che andrebbe in deposito e della quale il circuito economico non trarrebbe alcun giovamento in quanto le banche, ormai da anni e con la complicità della politica come della fondazioni, disattendono il loro compito fondamentale che è quello di fornire mezzi finanziari alla crescita economica.

Questa miopia nella analisi economica parte dal considerare ancora la società espressione di masse informi di consumatori ai quali la pubblicità indica cosa acquistare e quando esattamente come se fossimo rimasti negli anni 70 80 nei quali i consumi partivano da una domanda ancora inevasa nelle sue articolazioni. Ormai, anche se esistono ancora della sacche di scarso acculturamento sulle quali le vecchie politiche di comunicazione riescono ad ottenere un certo successo, il consumatore medio vive in un sistema globale di informazioni che lo rendo esposto ad ogni sollecitazione specie se negativa.

Come si possa pensare che questo villaggio globale non influenzi i consumi come il sentiment per me rimane un mistero.

O forse non si vuole iniziare ad analizzare le vere cause che spingono alla decrescita continua dei consumi , della calo delle nascite , al desiderio di espatriare: altro non sono che espressioni della medesima mancanza di prospettive economiche di un paese che da quarant’anni crea debito per pagare stipendio e pensioni ed ha una spesa in conto capitale dell’ 1%.

Tutto questo è la manifestazione della medesima mancanza di fiducia verso un ceto che si definisce “dirigente “ ma che non ha strumenti culturali per comprendere un sistema economico in continua evoluzione che tende ad un equilibrio ma che proprio per la sua complessità, espressione della globalizzazione, non troverà che per pochi e brevi periodi.

I numeri, tornando all’Italia, indicano una sofferenza che non viene percepita nella sua gravità perché non esistono i mezzi culturali e soprattutto la onestà intellettuale per comprendere che tale sofferenza rappresenta la perdita di prospettive e di ottimismo e di fiducia nella classe dirigente attuale.

Condividi

  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Email
  • RSS
  • Print

Scrivi un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito utilizza cookie. Continuando la navigazione se ne autorizza l'uso.
Ulteriori informazioni
Ok
Email
Print