Pages Menu
TwitterRssFacebook

DEFINIZIONI

RIFORME

MONITORAGGIO

ATTUALITÀ

Che cos’è il debito pubblico

Il deficit si crea quando in un anno si spende più di quanto si incassa. Il debito è la somma di tutti i deficit annuali

Pressione fiscale

Prelievo fiscale medio sul reddito dei cittadini

Riforma sul patrimonio

Valorizzare immobili e partecipazioni finanziarie e venderne una parte per fare cassa e diminuire il debito pubblico

Riforma sulle partecipate

Ridurre il numero da 8.000 a 1.000. Risparmiare almeno 3 miliardi di sprechi

Derivati: cosa sono e come li usa lo stato

Da strumenti di protezione a strumenti di distruzione. Una bomba ad orologeria con 42 miliardi di perdite

Accise: il bancomat dello stato. E il cittadino paga

Le tasse sulla benzina: per ogni litro di carburante più di 1 euro se li prende lo Stato

Perché dobbiamo stare attenti alla Grecia

Il debito greco con l’Italia è cresciuto del 500% in 5 anni. L’Italia ha prestato 61,2 miliardi di euro

Editoriale IBL – ILVA: l’esperienza non insegna

Un altro salvataggio di Stato con i soldi dei cittadini. E continua l’agonia

Scritto da il feb 21, 2018 in Museo degli orrori | 0 commenti

Bugie e fallimenti di quattro anni di governo Pd

Bugie e fallimenti di quattro anni di governo Pd

Nel 2014 fa Renzi disse “Mai al governo senza passare dalle urne”. Quattro anni e molte frottole dopo, questa è solo la prima di moltissime promesse non mantenute. In questo “Museo degli orrori” vi proponiamo 10 (primi) buoni punti per fare sì che non torni a Palazzo Chigi

1 – Nell’autunno 2016 disse “Se perdo il referendum lascio la politica” : dopo un anno e tre mesi, è ancora segretario Pd. Qui una rassegna delle sue altre frottole in politica

2 – Rivendica il calo degli sbarchi di migranti clandestini, ma non ha fatto abolire il regolamento di Dublino che li lascia tutti in Italia: qui la genesi e una possibile soluzione del problema

3 – Salvare le banche è costato 31 miliardi di euro ma nessuno ha difeso i risparmiatori: qui le colpe e i compiti del governo nel salvataggio degli istituti di credito

4 – Nel gennaio 2014 disse “mai al governo senza passare dal voto“. Un mese dopo faceva cadere Enrico Letta con una congiura di palazzo e ne prendeva il posto a Palazzo Chigi. Tre anni più tardi era costretto a dimettersi dopo il disastro referendario ma comunque faceva eleggere un governo fantoccio fatto solo di suoi uomini: qui avevamo spiegato il suo disprezzo per la volontà popolare

5 – Vanta centinaia di migliaia di nuove assunzioni ma il Jobs act crea solo lavoro precario: qui il punto sul Jobs Act

6 - Nell’inverno 2014 disse “La legge elettorale si scrive tutti insieme”: nel 2016 approva l’Italicum, poi naufragato comunque, con 334 sì su 630 deputati. Qui una rassegna delle sue altre frottole in politica

7 – Esulta per il calo delle tasse ma l’Italia è in cima alla classifica dei Paesi Ocse più tassati (6/35):  leggi qui l’analisi completa sulle fanfaronate del governo in materia di taglio del carico fiscale

8 – Nell’aprile 2017 disse “Il Pd non è un partito personale” ma ha silenziato ogni opposizione interna e tentato la riforma presidenzialistica. Qui una rassegna delle sue altre frottole in politica

9 – Promise di restituire autorevolezza e dignità agli insegnanti e la scuola italiana non è mai stata peggio: aggressioni e denunce contro i prof sono all’ordine del giorno. Qui l’analisi sul disastro di una scuola dove la meritocrazia non ha più diritto di cittadinanza

10 – Nel 2012 disse “Non si può trattare il futuro dei nostri figli come se fosse una pattumiera” ma da anni continua a varare bonus finanziati a deficit: qui l’analisi su debito e bonus

Per un elenco completo di tutta l’opera di monitoraggio sulle mancanze del governo, argomento per argomento, clicca qui

Condividi

  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Email
  • RSS
  • Print

Scrivi un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito utilizza cookie. Continuando la navigazione se ne autorizza l'uso.
Ulteriori informazioni
Ok
Email
Print