Pages Menu
TwitterRssFacebook

DEFINIZIONI

RIFORME

MONITORAGGIO

ATTUALITÀ

Che cos’è il debito pubblico

Il deficit si crea quando in un anno si spende più di quanto si incassa. Il debito è la somma di tutti i deficit annuali

Pressione fiscale

Prelievo fiscale medio sul reddito dei cittadini

Riforma sul patrimonio

Valorizzare immobili e partecipazioni finanziarie e venderne una parte per fare cassa e diminuire il debito pubblico

Riforma sulle partecipate

Ridurre il numero da 8.000 a 1.000. Risparmiare almeno 3 miliardi di sprechi

Derivati: cosa sono e come li usa lo stato

Da strumenti di protezione a strumenti di distruzione. Una bomba ad orologeria con 42 miliardi di perdite

Accise: il bancomat dello stato. E il cittadino paga

Le tasse sulla benzina: per ogni litro di carburante più di 1 euro se li prende lo Stato

Perché dobbiamo stare attenti alla Grecia

Il debito greco con l’Italia è cresciuto del 500% in 5 anni. L’Italia ha prestato 61,2 miliardi di euro

Editoriale IBL – ILVA: l’esperienza non insegna

Un altro salvataggio di Stato con i soldi dei cittadini. E continua l’agonia

Scritto da il mar 20, 2014 in Monitoraggio | 0 commenti

Le proposte del governo Renzi

Le proposte del governo Renzi

Le proposte recenti del governo Renzi non sembrano sufficienti, sono di dubbia implementabilità per mancanza di coperture esplicite, e sono modulate in modo da massimizzare l’effetto politico ma non quello economico.

Il governo promette di tagliare le tasse per 10 miliardi sui lavoratori dipendenti, agendo sull’IRPEF, o forse sui contributi previdenziali. In un secondo momento si potrebbe ridurre, solo del 10%, l’IRAP. Le coperture dovrebbero venire da un aumento delle imposte sui redditi di capitale, da un aumento del deficit, dalla riduzione della spesa per interessi, e da tagli di spesa ancora da effettuare e di natura non specificata. Gli sgravi saranno concentrati sui redditi medio-bassi, ma escludendo chi non percepisce un reddito o – se i tagli agiranno sull’IRPEF, percepisce un reddito inferiore ad una certa soglia. Inoltre saranno esclusi i lavoratori autonomi, che rappresentano circa un terzo dei lavoratori.

La spending review stimata è di soli 3 miliardi per il 2014, e cifre più consistenti sono attese negli anni successivi: 18 e 34 miliardi nel 2015 e 2016. Con una tale spending review sarà necessario aumentare le tasse per coprire buona parte dei 10 miliardi. Le cifre in gioco negli anni successivi sono ragguardevoli: purtroppo sono poco credibili, sia perché due anni è un tempo molto lungo per la politica italiana, sia perché i tagli sono di norma calcolati rispetto alle previsioni di spesa e non alla spesa attuale, e quindi potrebbero non portare ad una riduzione di quest’ultima. A ciò si sommano i piani per aumentare la spesa per l’edilizia scolastica, l’ingresso nel mercato dei lavoro dei giovani, la tutela del territorio (circa 7 miliardi in tutto) che sebbene forse necessari, dovranno comunque essere finanziati.

La scelta delle imposte da tagliare per prime, e di quelle che probabilmente saranno aumentate, da parte del governo risponde ad un imperativo politico ma non ad una logica economica. A beneficiare saranno i dipendenti, ma non i disoccupati e gli autonomi, e probabilmente non chi ha redditi molto bassi. La spinta per l’occupazione sarà trascurabile perché non si riduce il costo del lavoro per le imprese, tranne per la riduzione, molto contenuta, dell’IRAP. I benefici del taglio dell’IRAP saranno poi ridotti, se non cancellati, dall’aumento della tassazione sui risparmi, che danneggerà i giovani che cercano di accumulare un capitale previdenziale – consci che dall’INPS non potranno attendersi molto nonostante gli esosi contributi – e ridurrà i fondi disponibili per le imprese. Questa misura distorcerà maggiormente l’allocazione delle risorse finanziarie allargando la discriminazione fiscale a vantaggio dei titoli di Stato, che non verranno toccati dal pesante aumento delle aliquote. Questo effetto distorsivo sarà ulteriormente aggravato dal “piano casa”. Il risultato sarà che finanziare le imprese converrà ancora di meno.

Complessivamente le cifre in gioco sembrano rilevanti, anche se non si tratta di un cambiamento epocale, ma dato che i tagli di spesa effettivi saranno probabilmente trascurabili rispetto a quelli annunciati, e che i tagli di tasse effettivi beneficeranno poco, o addirittura danneggeranno, gli investimenti e la competitività, è probabile che l’effetto macroeconomico sarà trascurabile. Inoltre non si farà nulla, o ben poco, per giovani, imprese, disoccupati, lavoratori autonomi, e dipendenti a bassissimo reddito. Il piano del governo non sembra molto dettagliato, e gran parte delle promesse potrebbero rivelarsi irrealizzabili: nel caso venissero realizzate, l’effetto sarebbe comunque piuttosto contenuto.

Condividi

  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Email
  • RSS
  • Print

Scrivi un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito utilizza cookie. Continuando la navigazione se ne autorizza l'uso.
Ulteriori informazioni
Ok
Email
Print