Pages Menu
TwitterRssFacebook

DEFINIZIONI

RIFORME

MONITORAGGIO

ATTUALITÀ

Che cos’è il debito pubblico

Il deficit si crea quando in un anno si spende più di quanto si incassa. Il debito è la somma di tutti i deficit annuali

Pressione fiscale

Prelievo fiscale medio sul reddito dei cittadini

Riforma sul patrimonio

Valorizzare immobili e partecipazioni finanziarie e venderne una parte per fare cassa e diminuire il debito pubblico

Riforma sulle partecipate

Ridurre il numero da 8.000 a 1.000. Risparmiare almeno 3 miliardi di sprechi

Derivati: cosa sono e come li usa lo stato

Da strumenti di protezione a strumenti di distruzione. Una bomba ad orologeria con 42 miliardi di perdite

Accise: il bancomat dello stato. E il cittadino paga

Le tasse sulla benzina: per ogni litro di carburante più di 1 euro se li prende lo Stato

Perché dobbiamo stare attenti alla Grecia

Il debito greco con l’Italia è cresciuto del 500% in 5 anni. L’Italia ha prestato 61,2 miliardi di euro

Editoriale IBL – ILVA: l’esperienza non insegna

Un altro salvataggio di Stato con i soldi dei cittadini. E continua l’agonia

Scritto da il giu 1, 2018 in Attualità, Primo Piano | 0 commenti

Siccardi: “Il governo Conte dà la parola ai cittadini”

Siccardi: “Il governo Conte dà la parola ai cittadini”

Nel giorno del giuramento del nuovo governo lega-stellato guidato dal professor Giuseppe Conte, il fondatore di questo sito Alberto Siccardi interviene facendo il punto della situazione politica in Italia, fra speranze e priorità del nuovo esecutivo
Due partiti politicamente opposti per quanto riguarda le tendenze programmatiche si mettono insieme sulla base di una comune speranza di cambiare molte cose, iniziando un percorso di trasformazione della nostra economia e della nostra società. Non vale la pena di sperare fino in fondo che questo si avveri?
 È comunque valido un pensiero di gratitudine verso lo sforzo che essi hanno intrapreso, sfidando il “vecchio” mondo politico fatto di clientela, poco rispetto per il cittadino e i suoi soldi, sbruffone e disonesto nel proteggere i fattacci delle Banche verso i cittadini.
 
 Si parla di un programma di attuazione della Democrazia Diretta in Italia. Assisteremo ad una vuota e pretestuosa opposizione fatta di “l’Italia è un Paese troppo grande”, oppure “si creeranno situazioni in cui la gente che non capisce vorrà votare” e altre simili.
 Si dimenticherà invece l’enorme vantaggio e il contenuto democratico esistenti nel dare qualche volta la parola ai cittadini. Non pensate che sia già di per sé un deterrente per delle Leggi inaccettabili per il Popolo?
 
Quali reazioni ci dovremo aspettare dal mondo politico “antico”, fatto di centri di potere clientelistici più o meno grandi in Italia, in Europa e nel mondo?
 Assisteremo ad una battaglia estrema, si tratta di applicare principi già contenuti nella Legge Brunetta sulle strutture pubbliche che, se applicata, potrebbe portare nel tempo a dei risparmi molto importanti ed una moralizzazione del settore pubblico.

Comunque vada l’avventura del governo Conte, peraltro, chiunque verrà dopo non potrà avere il coraggio di rincominciare come prima.

Condividi

  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Email
  • RSS
  • Print

Scrivi un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito utilizza cookie. Continuando la navigazione se ne autorizza l'uso.
Ulteriori informazioni
Ok
Email
Print