Pages Menu
TwitterRssFacebook

DEFINIZIONI

RIFORME

MONITORAGGIO

ATTUALITÀ

Che cos’è il debito pubblico

Il deficit si crea quando in un anno si spende più di quanto si incassa. Il debito è la somma di tutti i deficit annuali

Pressione fiscale

Prelievo fiscale medio sul reddito dei cittadini

Riforma sul patrimonio

Valorizzare immobili e partecipazioni finanziarie e venderne una parte per fare cassa e diminuire il debito pubblico

Riforma sulle partecipate

Ridurre il numero da 8.000 a 1.000. Risparmiare almeno 3 miliardi di sprechi

Derivati: cosa sono e come li usa lo stato

Da strumenti di protezione a strumenti di distruzione. Una bomba ad orologeria con 42 miliardi di perdite

Accise: il bancomat dello stato. E il cittadino paga

Le tasse sulla benzina: per ogni litro di carburante più di 1 euro se li prende lo Stato

Perché dobbiamo stare attenti alla Grecia

Il debito greco con l’Italia è cresciuto del 500% in 5 anni. L’Italia ha prestato 61,2 miliardi di euro

Editoriale IBL – ILVA: l’esperienza non insegna

Un altro salvataggio di Stato con i soldi dei cittadini. E continua l’agonia

Scritto da il mag 28, 2015 in Debito e spesa pubblica, Monitoraggio, Primo Piano | 0 commenti

Italia crescita decimale e debito colossale

Italia crescita decimale e debito colossale

La crescita del PIL trimestrale allo 0,3% ha riacceso le speranze di uscita dal tunnel crisi, ma letto su base annua il medesimo risultato segna ancora una variazione del PIL pari a zero, se poi si conta che questa crescita decimale è avvenuta in condizioni di contorno ottimali che già stanno vacillando (basso prezzo del petrolio, euro debole contro dollaro e il Quantative Easing della BCE) si comprende come questo modesto germoglio risulti ancora troppo fragile.
In piena forza invece il debito pubblico, che ha segnato nuovi record a 2.185 miliardi e presto potrebbe superare i 2.200 miliardi. Nell’articolo vengono presentati alcuni dati del XVIII Osservatorio sull’economia italiana della Mazziero Research.

Una rondine non fa primavera, si usa dire, e un +0,3% di PIL dopo trimestri di recessione non equivale a un ritorno alla crescita; anche perché se si allarga l’osservazione dagli ultimi tre mesi alla variazione annua ci si accorge che siamo ancora allo zero per cento.

Pil1q15

Ma non basta, rispetto ai livelli del I trimestre del 2008 il nostro Paese si trova ben nove punti e mezzo al di sotto. Detto in altri termini, gli ultimi sette anni hanno presentato una distruzione di capitale di quasi il 10 per cento che ha portato famiglie e imprese a diminuire in modo consistente la capacità di spesa e la capacità di investimento; questa, tuttavia, sarebbe ancora una visione parziale, in quanto lo Stato da parte sua ha innalzato la pressione fiscale sottraendo enormi risorse e regalando incognite sul futuro.

Questo è quanto è successo, ma si dirà che occorre ora guardare con occhi più fiduciosi e incoraggiare questi primi germogli di risveglio.
Certo, vero… se non fosse che questi dati incoraggianti giungono grazie al pieno dispiegamento della cosiddetta “congiunzione astrale”:

  • Bassi prezzi del petrolio
  • Euro debole contro dollaro
  • Quantitative easing della BCE.

Ad oggi già due elementi della terna iniziano a vacillare: il petrolio è aumentato del 45% da metà marzo e l’euro ha già messo a punto un buon recupero rispetto al dollaro. Come se non bastasse anche i rendimenti dei titoli di Stato sono tornati a salire.

tabdef15

I nostri lettori ricorderanno che nell’articolo “DEF: i numeri raccontano una realtà diversa” avevamo mostrato la tabella dello scenario base del Documento di Economia e Finanza (DEF) in cui il Governo contemplava condizioni di cambio stabile a 1,068 dollari per euro e un petrolio Brent a 57,4 dollari per barile sino al 2019. A metà maggio 2015, il cambio euro contro dollaro ha superato 1,14 e il petrolio Brent è vicino a 67 dollari il barile, ben 10 dollari in più dello scenario tracciato dal DEF; una situazione che avevamo ben previsto nell’articolo e che avrebbe reso le previsioni del Governo ben presto superate.

È evidente quindi che il malato Italia non è guarito, ma è solo momentaneamente sfebbrato. Se però ci voltiamo a considerare il debito pubblico, la febbre ritorna ed è un febbrone da cavallo!!!

debito315

Dopo aver chiuso il 2014 a 2.135 miliardi di debito, in soli tre mesi (l’ultima rilevazione si riferisce al mese di marzo) siamo arrivati a 2.185, con un balzo di 50 miliardi; ma le stime Mazziero Research indicano che continuerà a salire: il mese prossimo a 2.194 miliardi, per poi superare i 2.200 miliardi e terminare l’anno tra 2.170 e 2.185 miliardi, grazie al consueto maquillage dei conti di fine anno.

L’Osservatorio Mazziero Research sull’economia italiana al primo trimestre 2015 pone in grande risalto tutti questi temi, con approfondimenti, studi e statistiche condotti applicando un metodo di ricerca sviluppato in proprio nel corso di questi cinque anni di pubblicazione.

 

 

Scrivi un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito utilizza cookie. Continuando la navigazione se ne autorizza l'uso.
Ulteriori informazioni
Ok