Pages Menu
TwitterRssFacebook

DEFINIZIONI

RIFORME

MONITORAGGIO

ATTUALITÀ

Che cos’è il debito pubblico

Il deficit si crea quando in un anno si spende più di quanto si incassa. Il debito è la somma di tutti i deficit annuali

Pressione fiscale

Prelievo fiscale medio sul reddito dei cittadini

Riforma sul patrimonio

Valorizzare immobili e partecipazioni finanziarie e venderne una parte per fare cassa e diminuire il debito pubblico

Riforma sulle partecipate

Ridurre il numero da 8.000 a 1.000. Risparmiare almeno 3 miliardi di sprechi

Derivati: cosa sono e come li usa lo stato

Da strumenti di protezione a strumenti di distruzione. Una bomba ad orologeria con 42 miliardi di perdite

Accise: il bancomat dello stato. E il cittadino paga

Le tasse sulla benzina: per ogni litro di carburante più di 1 euro se li prende lo Stato

Perché dobbiamo stare attenti alla Grecia

Il debito greco con l’Italia è cresciuto del 500% in 5 anni. L’Italia ha prestato 61,2 miliardi di euro

Editoriale IBL – ILVA: l’esperienza non insegna

Un altro salvataggio di Stato con i soldi dei cittadini. E continua l’agonia

Scritto da il ott 12, 2015 in Attualità, Lavoro e Imprese, Primo Piano | 0 commenti

Mercato del lavoro: i dati Istat smascherano Renzi

Mercato del lavoro: i dati Istat smascherano Renzi

Renzi magnifica la crescita del numero degli occupati, salutando l’arrivo della ripresa. Ma le sue parole nascondono una verità scomoda: per le categorie più deboli del mercato del lavoro ci sono solo cattive notizie

A fine settembre, Matteo Renzi twittava felice: “Istat. In un anno più 325mila posti di lavoro. Effetto #Jobsact”. Sarà che al premier piace tanto il social network dell’uccellino, ma il limite dei 140 caratteri gli impedisce (troppo) spesso di completare i ragionamenti.

Chissà, se avesse avuto qualche battuta in più a disposizione, forse il presidente del Consiglio si sarebbe ricordato di cinguettare anche il resto del rapporto Istat sull’occupazione ad agosto e nel secondo trimestre del 2015.

Perché mentre rivendicava il calo della disoccupazione (-0.1% in termini di variazione congiunturale, -5% in termini di variazione tendenziale), Renzi dimenticava di menzionare alcuni punti che erano e rimangono invece ineludibili.

Innanzitutto il dato relativo alla disoccupazione giovanile (vale a dire nella fascia dei 15-24enni), che torna ad aumentare dello 0.3% rispetto al mese precedente, attestandosi al 40,07%. Rispetto all’anno precedente, ad agosto il tasso di occupazione tra i giovani cala dell’0.1%, mentre scende anche il tasso di disoccupazione (-2,3%). Ciò è reso possibile dalla crescita dell’1,2% nella percentuale di giovani inattivi. (Per vedere la differenza tra le definizioni di occupati, disoccupati e inattivi, si legga qui.)

Infine andrebbe aggiunto che in Europa, secondo i dati dell’Eurostat, la media della disoccupazione giovanile si attesta al 22,3%, in calo di 1,3 punti percentuali rispetto all’anno precedente.

Bisogna poi rilevare come i dati forniti dall’Istituto nazionale di statistica evidenzino un aumento degli occupati permanenti molto inferiore rispetto a quello che riguarda invece gli occupati a termine. In pratica, nei numeri sbandierati dal governo ci sono moltissimi contratti interinali, magari di appena due o tre mesi. Nel secondo trimestre del 2015, rispetto al trimestre precedente, gli occupati permanenti sono cresciuti di sole 13mila unità a fronte di un +94mila registratosi fra chi ha sottoscritto un contratto a termine.

Cattive notizie arrivano poi dal fronte del mercato del lavoro femminile, con il tasso di disoccupazione delle donne ad agosto che aumenta fino al 12,8% (quello maschile è pari all’11,3%), e da quello del lavoro autonomo. Rispetto al trimestre precedente, tra giugno e agosto di 2015 gli indipendenti sono diminuiti dello 0,3%, restando invariati rispetto allo stesso periodo del 2014.

Dati che fotografano una ripresa che continua a non sentirsi, soprattutto per tre categorie già svantaggiate come giovani, donne e lavoratori indipendenti. Dati presentati con un trionfalismo che regge solo se i numeri vengono letti in termini assoluti. E che vengono subito smascherati se letti alla luce delle condizioni di lavoro. La ripresa di Renzi rischia di rivelarsi un gigante dai piedi d’argilla.

 

Scrivi un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito utilizza cookie. Continuando la navigazione se ne autorizza l'uso.
Ulteriori informazioni
Ok