Pages Menu
TwitterRssFacebook

DEFINIZIONI

RIFORME

MONITORAGGIO

ATTUALITÀ

Che cos’è il debito pubblico

Il deficit si crea quando in un anno si spende più di quanto si incassa. Il debito è la somma di tutti i deficit annuali

Pressione fiscale

Prelievo fiscale medio sul reddito dei cittadini

Riforma sul patrimonio

Valorizzare immobili e partecipazioni finanziarie e venderne una parte per fare cassa e diminuire il debito pubblico

Riforma sulle partecipate

Ridurre il numero da 8.000 a 1.000. Risparmiare almeno 3 miliardi di sprechi

Derivati: cosa sono e come li usa lo stato

Da strumenti di protezione a strumenti di distruzione. Una bomba ad orologeria con 42 miliardi di perdite

Accise: il bancomat dello stato. E il cittadino paga

Le tasse sulla benzina: per ogni litro di carburante più di 1 euro se li prende lo Stato

Perché dobbiamo stare attenti alla Grecia

Il debito greco con l’Italia è cresciuto del 500% in 5 anni. L’Italia ha prestato 61,2 miliardi di euro

Editoriale IBL – ILVA: l’esperienza non insegna

Un altro salvataggio di Stato con i soldi dei cittadini. E continua l’agonia

Scritto da il nov 30, 2020 in Attualità, Primo Piano | 0 commenti

Vaccino obbligatorio? No, grazie

Vaccino obbligatorio? No, grazie


Pzifer
, Moderna e AstraZeneca, ma non solo. Sono infatti più di una decina i colossi farmaceutici che hanno raggiunto la fase di sperimentazione con potenziali farmaci contro l’infezione da Covid-19. I dubbi sull’effettiva efficacia di queste armi anti-coronavirus sono molti, così come sono diversi i punti interrogativi sui possibili e indesiderati effetti collaterali. Chi si prenderà la responsabilità – civile e penale – se il vaccino “X” creerà problemi? In attesa di saperlo, in Italia si è aperta un dibattito assai serrato sull’opportunità di rendere obbligatorio o volontario il futuro vaccini contro il Sars-CoV-2.

Insomma, anche se un vaccino “definitivo” contro il coronavirus non c’è ancora (e chissà tra l’altro quando arriverà…), già si sta studiando come renderlo obbligatorio per la popolazione, o per alcune fasce di quest’ultima. E la cosa, francamente, fa sorridere. E soprattutto preoccupare.

In un recente intervento pubblico, il pentastellato viceministro della Salute Pierpaolo Sileri ha dichiarato: “Io credo che per alcune categorie debba esserci l’obbligo vaccinale. Per il resto immagino che dopo quello che si è passato in tutti questi mesi la richiesta della vaccinazione sarà estremamente alta”. Un pensiero condiviso da Roberto Speranza, titolare del dicastero.

Dalle dichiarazioni di questi ultimi giorni l’intenzione del governo è quella di vaccinare tra i sei e i dieci milioni di italiani in appena tre mesi, ammesso che la vaccinazione di massa prenda il via da gennaio o febbraio (cosa che ci pare improbabile). E dalle ultime uscite dei governanti giallorossi sembra essere forte la volontà di rendere obbligatorio il vaccino. Attualmente, sono dieci i vaccini obbligatori per gli under 16: anti-difterica, anti-tetanica, anti-epatite B, anti-pertosse, anti-Haemophilus influenzae tipo b, anti-morbillo, anti-rosolia, anti-parotite e anti-varicella. A questi, tirando dentro anche gli adulti, si aggiungere il vaccino anti-Covid.

Però, alt, attenzione: in Italia esiste la possibilità di rifiutare l’obbligo vaccinale, rischiando una multa o l’impossibilità di iscrivere i propri figli a scuola. Ora il progetto sembra quello di costringere anche gli adulti a sottoporsi al fantomatico vaccino anti-coronavirus. Cosa che creerà non pochi problemi e grattacapi a Giuseppe Conte & Co.: secondo alcuni sondaggi, infatti, quattro italiani su dieci non hanno alcuna intenzione di farlo.

Andrea Crisanti, direttore del Dipartimento di Medicina Molecolare dell’Università di Padova, è uno dei pochi virologi che predica prudenza e per questa ragione è stato preso di mira. “Io non farei il primo vaccino che dovesse arrivare a gennaio 2021. Perché? Vorrei essere sicuro che questo vaccino sia stato opportunamente testato e che soddisfi tutti i criteri di efficacia e sicurezza. Ne ho diritto come cittadino e non sono disposto ad accettare scorciatoie”, aveva dichiarato il medico, scatenando le ire di chi vorrebbe il vaccino subito e lo vorrebbe obbligatorio. Dare torto a Crisanti, però, ci viene molto difficile…

Scrivi un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito utilizza cookie. Continuando la navigazione se ne autorizza l'uso.
Ulteriori informazioni
Ok